Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Symantec acquisisce VeriSign

pittogramma Zerouno

Symantec acquisisce VeriSign

20 Mag 2010

di ZeroUno

Symantec ha annunciato di aver concluso un accordo per l’acquisizione di VeriSign, riconosciuto come uno dei più affidabili brand per i servizi di sicurezza (quasi tutti i siti che contemplano pagamenti online sono “certified by VeriSign”).
VeriSign’s SSL Certificate Services assicura gli utilizzatori che i siti sui quali navigano e interagiscono sono legittimi e sicuri e che le informazioni condivise su questi siti saranno al sicuro. Il marchio di certificazione di VeriSign garantisce l’autenticità del sito che i navigatori stanno visitando e assicura loro che qualsiasi informazione sensibile condivisa su questo sito sarà cifrata durante la transazione. Con più di un milione di web server che utilizzano il certificato VeriSign SSL e con una infrastruttura che processa più di due miliardi di certificazioni al giorno, VeriSign ha la leadership del mercato SSL. Si prevede che il segmento di mercato delle autenticazioni degli utenti arriverà nel 2013 a 1.6 miliardi di dollari.
 “Con l’anonimato di Internet e l’evoluzione dello scenario delle minacce, le persone e le organizzazioni fanno grandi sforzi per mantenere la fiducia nella sicurezza delle proprie interazioni, informazioni e identità on line. Nello stesso tempo, la vita personale e professionale delle persone convergono e le persone vogliono utilizzare i propri dispositivi digitali per accedere alle informazioni ovunque siano senza mettere a rischio la propria privacy. “ ha affermato Enrique Salem, Presidente e Ceo di Symantec. “L’IT si deve confrontare con la sfida di conferire agli utenti il giusto accesso, assicurando allo stesso tempo che i dati aziendali non vengano messi in pericolo. Noi crediamo che la soluzione a questo problema risieda nell’ubiquità della sicurezza delle identità. Con l’azione combinata dei prodotti Symantec  eVeriSign, siamo pronti a promuovere l’adozione di sistemi di sicurezza delle identità quale mezzo per ottenere un accesso sicuro e semplice ovunque ci si trovi, per prevenire le frodi di identità e per rendere la navigazione on line più facile e senza inconvenienti.”
Dalla unione di VeriSign’s SSL Certificate Services con il Symantec Critical System Protection o la Protection Suite for Servers, Symantec assicura alle imprese un maggior livello di sicurezza sui propri web server cerificandone l’autenticità e fornendo agli utenti la fiducia necessaria a svolgere il proprio business on line. VeriSign arricchisce ulteriormente l’offerta di sicurezza di Symantec fornendo la tecnologia per l’utilizzo sicuro dell’identità. VeriSign aiuta le imprese a convalidare l’identità degli utenti attraverso il VeriSign Identity Protection (VIP), il servizio di autentificazione degli utenti che completa il già esistente Identity Safe con i prodotti Norton. Il servizio VIP cloud-based aiuta le aziende a svolgere il proprio business on line confermando l’identità dei loro clienti, dipendenti e partner attraverso certificati digitali che risiedono su una smartcard, un token o altri dispositivi quali i cellulari, assicurando che solo utenti legittimati possono avere accesso alle loro informazioni. VeriSign ha emesso più di due milioni di credenziali VIP a singoli individui e ha un network di centinaia di commercianti.
Secondo i termini dell’accordo, Symantec acquisterà determinate azioni da VeriSign, inclusa la maggioranza delle azioni di VeriSign Giappone, per un prezzo di acquisto di circa 1,28 miliardi di dollari cash. Symantec si aspetta che la transazione avvenga a 9 cents diluiti sugli utili non-GAAP per azione nell’anno fiscale 2011, dovuti al prezzo di acquisto contabilizzato sulla riduzione del fatturato differito, e che cresca sugli utili non-GAAP per azione nel trimestre di settembre 2011. L’accordo è sottoposto alle condizioni di chiusura, inclusa l’approvazione del garante, e dovrebbe chiudersi nel trimestre di settembre.

ZeroUno

Articolo 1 di 5