Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Privacy garantita con ZoneAlarm di Check Point

pittogramma Zerouno

Privacy garantita con ZoneAlarm di Check Point

30 Gen 2013

di Redazione

La linea 2013 dei prodotti ZoneAlarm comprende nuove funzionalità per la protezione della privacy. Facebook Privacy Scan e Do Not Track le nuove capability delle soluzioni targate Check Point.

Check Point Software Technologies presenta ZoneAlarm Security 2013, una nuova linea di prodotti compatibile con Windows 8 che integra funzionalità antivirus e firewall, nonché identity protection e parental control che proteggono gli utenti su più livelli. Le nuove funzionalità, Facebook Privacy Scan e Do Not Track, permettono agli utenti di scegliere se rendere accessibili o meno i propri contenuti Facebook e attività web a ricercatori e inserzionisti Internet. Si tratta di importanti novità che Check Point rende disponibili proprio in concomitanza della proposta Facebook di una nuova policy relativa alla privacy per modificare la modalità di utilizzo dei dati utente.

Facebook Privacy Scan di ZoneAlarm segnala eventuali problemi di privacy nei post che compaiono nella timeline (la home page degli utenti Facebook) e offre agli utenti consigli e istruzioni per garantire la propria riservatezza, per esempio migliorando l’esposizione pubblica attraverso gli “I like” e i commenti che possono rivelare informazioni private e sensibili sull’utente.

In particolare, Facebook Privacy Scan valuta i messaggi degli utenti, identificando e proteggendo i contenuti che potrebbero compromettere la privacy di una persona. Durante la navigazione su Facebook, gli utenti possono facilmente avviare privacy scan dalla barra degli strumenti ZoneAlarm; la scansione esamina quindi i messaggi recenti della timeline e offre agli utenti il controllo di ciò che vedono gli altri identificando e segnalando messaggi della timeline che espongono informazioni private, controllando tag e scansioni di foto, video e aggiornamenti di stato e segnalando quelli che possono danneggiare la privacy di una persona, effettuando la scansione di commenti e messaggi all’interno dell’account Facebook di un utente in pochi secondi, offrendo, infine, suggerimenti dettagliati per la privacy di Facebook e mettendo a disposizione un forum sulla privacy per la condivisione di best practice con gli altri.

La nuova funzionalità Do Not Track di ZoneAlarm, invece, agisce impedendo la “tracciabilità” delle informazioni degli utenti, offrendo una maggiore protezione della privacy rispetto a quella eventualmente già disponibile nel web browser. Do Not Track consente agli utenti di impedire l’aggressive tracking, ovvero permette di decidere se i propri dati siano condivisibili o meno e – in ultima analisi – se ricevere pubblicità non richiesta online o offline. Do Not Track di ZoneAlarm impedisce alle aziende di rintracciare i siti visitati, aumenta la velocità di navigazione e limita richieste di monitoraggio, identifica quando un website tracker sta cercando di catturare dati, bloccando completamente le richieste di monitoraggio. Infine, gli aggiornamenti in tempo reale modificano di volta in volta l’elenco dei tracker da bloccare.
 

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
Antivirus
F
Firewall
M
Monitoraggio
P
Privacy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 5