Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Dati cruciali a prova d’attacco solo in un’azienda su tre

pittogramma Zerouno

Dati cruciali a prova d’attacco solo in un’azienda su tre

10 Mar 2009

di Riccardo Cervelli

La maggior parte dei dati sensibili sono memorizzati nei data center, oltre tre quarti dei responsabili It è conscia della necessità di proteggerli con sistemi di crittografia, ma finora si è fatto molto poco in questo senso. Sono le principali scoperte effettuate durante un’indagine commissionata da Brocade e che ha interessato 4500 decisori It di aziende situate in Inghilterra, Germania e Francia.

Secondo la ricerca, nel corso dell’ultimo anno circa metà delle imprese ha subito attacchi al proprio data center. Il 70% degli intervistati ha ammesso che i dati sottratti non erano crittografati, e questo nonostante l’82% di loro abbia dichiarato che l’utilizzo di sistemi di crittografia avrebbe potuto mitigare i rischi. Da questi dati risulta evidente che si fa troppo poco per ridurre la vulnerabilità dei data center, a meno che non sia costretti da un senior management particolarmente scrupoloso o dalle normative.
Ciononostante “la quantità di informazioni sensibili continua a crescere in modo sempre più rapido”, afferma Jon Oltsik, senior analyst di Enterprise Strategy Group. “Nell’ambito dello storage – continua – le esigenze di sicurezza e di privacy richiedono un approccio architetturale che si estende all’intera impresa, ai dati archiviati, e che comprenda la gestione end-to-end tra differenti fabric”.
Gli fa eco Mike Murphy, Director of Marketing Emea di Brocade:  “I dati maggiormente critici per le aziende sono quelli presenti nei data center e necessitano di una solida strategia di sicurezza fabric-based per prevenire attacchi potenzialmente dannosi”. Proprio di recente, Brocade ha rilasciato soluzioni di crittografia e di gestione che possono essere implementate nello storage fabric e applicate a specifici flussi di dati. Secondo i portavoce della società, inoltre, queste tecnologie supportano numerosi sistemi di networked storage, comprese librerie a nastro virtuali e tape drive.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Articolo 1 di 5