Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Cambiano attacchi e target: necessari nuovi meccanismi di reazione

pittogramma Zerouno

Videointervista

Cambiano attacchi e target: necessari nuovi meccanismi di reazione

10 Mag 2019

di Redazione

Alessandro Piva, Direttore dell’Osservatorio Information Security & Privacy del Politecnico di Milano, illustra in questa video intervista alcuni dei principali trend emersi dalla ricerca dell’Osservatorio

Quello della sicurezza informatica è un tema sempre caldissimo: aumentano mediamente gli investimenti in security da parte delle imprese, ma cresce anche il numero degli attacchi informatici. È quanto emerge dagli ultimi dati dell’Osservatorio Information Security & Privacy della School of Management del Politecnico di Milano, presentati nel convegno “Winter is coming: adapt to react”. Alessandro Piva, Direttore dell’Osservatorio, illustra in questa videointervista i principali trend emersi spiegando nello specifico come si stanno comportando le aziende a fronte di questa situazione in continua evoluzione.

Il mercato italiano delle soluzioni di information security & privacy nel 2018 ha proseguito nella sua crescita, raggiungendo il valore di 1,19 miliardi di euro, in aumento del 9% (dopo il +12% fatto registrare nel 2017). Le principali finalità dei cyber attacchi subiti dalle imprese nello scenario attuale sono truffe, come phishing e business email compromise (83%), ed estorsioni (78%), poi intrusione a scopo di spionaggio (46%) e interruzione di servizio (36%).

Ma nei prossimi tre anni le aziende temono soprattutto spionaggio (55%), truffe (51%), influenza e manipolazione dell’opinione pubblica (49%), acquisizione del controllo di sistemi come impianti di produzione (40%). I principali obiettivi degli attacchi oggi sono account email (91%) e social (68%), seguiti dai portali eCommerce (57%) e dai siti web (52%).

Nel prossimo triennio, le imprese prevedono che gli hacker concentreranno i loro attacchi informatici su device mobili (57%), infrastrutture critiche come reti elettriche, idriche e di telecomunicazioni (49%), smart home & building (49%) e veicoli connessi (48%). Emerge inoltre che la principale vulnerabilità è costituita dal comportamento umano: per l’82% delle imprese la prima criticità è la distrazione e scarsa consapevolezza dei dipendenti, seguita da sistemi IT obsoleti o eterogenei (41%) e da aggiornamenti e patch non effettuati regolarmente (39%). Per minimizzare il rischio, l’80% delle imprese ha avviato piani di formazione del personale.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

H
hacker
M
Malware
S
Smartphone
Cambiano attacchi e target: necessari nuovi meccanismi di reazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4