Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ibm integra nelle San anche i solid state drive

pittogramma Zerouno

Ibm integra nelle San anche i solid state drive

27 Ott 2009

di ZeroUno

La nuova versione 5 del System Storage San Volume Controller (Svc) di Ibm fornisce il supporto integrato per drive “solid state”. Svc è una soluzione per virtualizzare i sistemi storage a disco (sia Ibm che di altri fornitori) presenti in una storage area network e consente di gestire le varie risorse di memorizzazione attraverso un controllo centralizzato e un maggiore utilizzo delle risorse disponibili. La stretta integrazione tra Solid State Drive (Ssd) e Svc consente alle aziende di sfruttare le elevate capacità di throughput delle unità allo stato solido, fornendo fino a 800.000 operazioni al secondo, con tempi di risposta di circa un millisecondo, quasi un decimo dello storage su disco tradizionale. Ulteriori miglioramenti apportati a Svc 5 comprendono il supporto per reti storage Fibre Channel a 8 Gbps, la possibilità di configurare memoria cache fino a 24 GB per ogni motore di virtualizzazione ed il potenziamento delle funzionalità di business continuity.
Svc supporta inoltre il collegamento a server che utilizzano protocolli iScsi (Scsi su reti Ip).
La nuova versione 5 di Svc è una evoluzione della tecnologia IBM Quicksilver dimostrata in agosto 2008 (http://www.ibm.com/press/us/en/pressrelease/24996.wss). San Volume Controller 5.0 sarà disponibile dal 6 novembre.

ZeroUno

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Business
S
San
S
Server
V
Virtualizzazione

Articolo 1 di 5