Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Applicazioni mobili già pronte nel supermarket Accenture

pittogramma Zerouno

Applicazioni mobili già pronte nel supermarket Accenture

25 Ago 2009

di Riccardo Cervelli

Un “punto vendita di servizi”. È come Accenture definisce Accenture Mobility Operated Systems, una nuova linea di business destinata ad aiutare operatori di telecomunicazioni e imprese a offrire ai propri clienti applicazioni su device mobili (non solo cellulari ma, per esempio, anche penne elettroniche, come quella lanciata recentemente da Accenture) che spaziano dalla gestione monetaria all’emissione di voucher e biglietti, fino alla raccolta di dati e altri servizi.
L’offerta, che va dall’ideazione alla consegna, fino alla gestione, si basa sulla consolidata piattaforma software Accenture per le applicazioni mobile. La multi nazione ha lanciato la nuova offerta in Italia e si appresta a estenderla nel corso del 2009 anche all’Europa, Nord e Sud America e Asia Centrale.
Nel mirino della linea di business ci sono inizialmente i settori delle telecomunicazioni, dei servizi finanziari, delle risorse, del commercio al dettaglio, dell’automotive e della pubblica amministrazione. Ma ad Accenture sono convinti che le soluzioni potranno essere utilizzate da qualsiasi azienda in qualunque settore. “Gli utenti di telefonia – afferma Michele Marrone, Managing Director di Amos – soo alla ricerca di servizi in grado di aggiungere valore alla loro vita personale e professionale. E quasi tutti i settori mirano ad una soluzione basata sulla connessione alla rete in modalità wireless”.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Articolo 1 di 5