Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

420 milioni di e-mail al giorno per i navigatori italiani

pittogramma Zerouno

420 milioni di e-mail al giorno per i navigatori italiani

28 Apr 2009

di Riccardo Cervelli

La posta elettronica e le newsletter via email fanno ormai parte della vita di un gran numero di italiani. Lo rivela una ricerca commissionata da Contact Lab, una delle società leader in Italia nell’e-mail marketing e nel direct marketing digitale. Tra i dati contenuti nell’ Email Marketing Consumer Report 2009 (seconda edizione della ricerca, dopo quella apparsa alla fine del 2007), spiccano quello relativo al numero di email scambiate – 420 milioni al giorno (al netto dei messaggi recapitati attraverso i sistemi interni dei siti e dello spam) – e quello delle newsletter a cui mediamente gli utenti del Web si abbonano per restare in relazione con i loro brand preferiti o tenersi informati su diverse tematiche: 6,4 in media a testa.
I 420 milioni di messaggi vengono scambiati tra circa 51 milioni di caselle email, gestite dai 22 milioni di utenti Internet, per una media di 2,3 indirizzi pro-capite. A farla da padrone, tra i provider di caselle più utilizzati, è Hotmail (40,7% dei navigatori), seguito da Libero (35,7%), e più alla distanza da Alice-Tin.it-Virgilio, Yahoo e Gmail, ognuno fra il 20 e il 24% degli utenti. In media ogni giorno un utente riceve venti messaggi email, che legge o con un desktop (76% dei navigatori), o con un portatile (60%), o con dispositivi mobili. A utilizzare smartphone, iPhone, Blackberry e palmari per accedere alla posta è il 18% dei navigatori, pari a circa quattro milioni di utenti.
Quest’anno la ricerca è stata estesa anche alla Spagna e ha permesso di scoprire molte più somiglianze che differenze tra i comportamenti dei navigatori dei due Paesi del Sud Europa. In Spagna ammontano a 350 milioni le email ricevute giornalmente, per una media procapite di 23 messaggi. Ogni utente iberico ha circa 2,3 caselle, lo stesso dato dell’Italia. Anche i navigatori spagnoli sono iscritti a oltre 6 newsletter, per l’esattezza 6,7. Due sono gli aspetti in cui si notano le maggiori differenze tra gli utenti delle due nazioni. Il primo riguarda l’uso di device mobili per accedere alle email. Contro il 18% dei navigatori italiani, a utilizzarli è solo il 12%. La differenza è ancora più accentuata limitandosi agli smartphone: li impiegano il 12% degli italiani contro il 2% degli spagnoli. Il secondo aspetto concerne le tematiche cui sono dedicate le newsletter. In testa alle preferenze dei navigatori italiani vi sono quelle attinenti ai social network e a interessi personali (63% degli utenti), seguite da quelle di news di attualità, economia e sport (54%) e da quelle di viaggi e turismo (52%). Nel caso della Spagna i rapporti si invertono. Le newsletter più popolari sono quelle di viaggi e turismo (vi è iscritto il 58% dei navigatori), al secondo posto si trovano quelle dedicate alle news (51%), al terzo quelle legate a interessi personali quali social network e community online (47%).
Infine, l’Email Marketing Consumer Report 2009 rivela che le donne ricevono nel giorno medio il 20% di posta elettronica in più degli uomini e sono abbonate a un maggior numero di mailing list.
Il report è scaricabile gratuitamente all’indirizzo www.contactlab.com.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Articolo 1 di 5