Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

I contratti cloud nel mirino UE

pittogramma Zerouno

Europa & tecnologia

I contratti cloud nel mirino UE

29 Ott 2013

di Piero Todorovich da Digital4

Creata una task force che dovrà definire le regole e le garanzie nei rapporti tra fornitori e clienti, le cui prime indicazioni sono attese per la primavera del 2014. I contratti diventano un aspetto nodale per lo sviluppo del mercato dei servizi cloud

Un team UE lavorerà alla ricerca di condizioni contrattuali più affidabili ed eque per l’utilizzo dei servizi di cloud computing per incrementare la fiducia e agevolare quindi la stipula di accordi tra fornitori e utenti. Si preoccuperà inoltre di definire i fondamentali criteri di tutela della sicurezza e della privacy che non potranno venire meno nel rapporto di fornitura dei nuovi servizi.

Il quadro giuridico a cui lavora la task force andrà inoltre a completare le recenti proposte di riforma in materia di protezione dei dati già presentate in Commissione dal Parlamento europeo con l’obiettivo di facilitare la creazione di un mercato unico in ambito europeo per i servizi cloud e digitali.

Costituita da esperti, fornitori, consumatori, esponenti del mondo accademico e giuristi, la task force lavorerà alla definizione di clausole contrattuali che, per il momento, saranno suggerite su base facoltativa con la prospettiva, in seguito, dopo le necessarie verifiche di diventare obblighi di legge.

Le clausole standard dovrebbero ridurre molte preoccupazioni che ancora oggi tengono lontani consumatori e imprese – soprattutto piccole – dall’acquisto dei servizi cloud.

Il primo incontro del team si terrà nella seconda metà di novembre, le indicazioni saranno probabilmente pubblicate entro la primavera del 2014.

Secondo  Viviane Reding, commissario Ue per la Giustizia, la Commissione intende creare le condizioni per lo sviluppo del mercato cloud computing. Secondo le previsioni UE, la tecnologia potrebbe creare 2,5 milioni di nuovi posti di lavoro in Europa e accrescere dell’1% circa all’anno il Pil degli stati membri, almeno fino al 2010.

Piero Todorovich da Digital4
Giornalista

Giornalista professionista dal 91, ha scoperto il Computer negli Anni 80 da studente e se n'è subito innamorato, scegliendo di fare della divulgazione delle tecnologie e dell'informatica la propria professione. Alla passione per la storia delle tecnologie affianca quella per i viaggi e la musica.