Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Tagetik e Microsoft: una proposta integrata

pittogramma Zerouno

Tagetik e Microsoft: una proposta integrata

26 Lug 2010

di Nicoletta Boldrini

Grazie a un accordo worldwide, Tagetik 3.0 e Sharepoint si integrano a garanzia di un perfetto Collaborative Performance Management.

“Nonostante l’enorme mole di informazioni finanziarie e gli investimenti consistenti in tecnologia, molte aziende non hanno ancora implementato un’infrastruttura tecnologica in grado di valorizzare i processi di comunicazione e collaborazione tra differenti aree aziendali e gruppi di lavoro internazionali”, sostiene Manuel Vellutini, Executive Vice President, Chief Operating Officer di Tagetik. Tagetik. “Ci sono realtà che incontrano reali difficoltà nel trovare risposte a quesiti apparentemente semplici come ‘perché le vendite del prodotto di punta sono in calo?’, ‘Gli impianti possono supportare il nuovo piano di produzione?’, ‘Qual è l’impatto sul cash flow delle azioni che intendiamo portare avanti?”.
Se i dati da gestire e monitorare aumentano a dismisura, prendere decisioni accurate diventa comunque difficile, nonostante gli strumenti di Business Intelligence e Corporate Performance Management risultino efficienti. “Perché siano anche efficaci – evidenzia Vellutini – è necessario che l’organizzazione, prima di tutto, riesca a modellare i corretti processi decisionali, che devono essere sempre più unificati. Oggi, le aziende concentrano i propri sforzi nell’introdurre metodi più rigorosi e affidabili per razionalizzare e ottimizzare, per esempio, i processi di budget e pianificazione. Ma per fare questo, hanno bisogno di uno strumento all’avanguardia in grado di supportare gruppi di lavoro sempre più ampi e internazionali nel collaborare e comunicare attivamente tra loro (così da migliorare i processi decisionali)”.
La risposta di Tagetik è Tagetik 3.0 che consente di unificare e automatizzare complessi processi di business – budget, pianificazione e forecast, consolidamento e reporting, enterprise governance, strategy management, analisi della profittabilità, analisi del capitale circolante, adeguamento alle specifiche richieste di business e alle mutevoli regolamentazioni nazionali e internazionali – basandosi su una tecnologia aperta, web-based e multi-piattaforma.
E per rispondere all’esigenza di integrare sempre più e sempre meglio i processi di collaborazione, Tagetik ha stretto una partnership a livello worlwide con Microsoft per fornire una soluzione completa per il Performance Management, l’Enterprise Governance, Risk & Compliance, la Business Intelligence, la Collaborazione e la Comunicazione aziendale, utilizzando in modo integrato le rispettive tecnologie.
Tagetik 3.0 Enabled by Microsoft SharePoint, nata da questa partnership, consente infatti di strutturare, in un unico ambiente, processi di collaborazione e comunicazione a supporto di tutta l’organizzazione aziendale. Grazie a questa soluzione, è possibile comunicare e collaborare tra team condividendo informazioni, attività e scadenze, oltre ad analizzare i dati con dettaglio analitico e produrre report avanzati.
“Condividere documenti e informazioni, sia strutturate che destrutturate, è la base su cui oggi si fonda qualsiasi processo decisionale – osserva Silvio Filippi, Product Manager di SharePoint nella Business & Marketing Organization di Microsoft Italia -. L’alleanza con Tagetik nasce con l’intento di supportare le organizzazioni complesse che, rispetto al passato, necessitano oggi di nuovi approcci organizzativi e tecnologici. La strategia proposta intende supportare tutta l’organizzazione aziendale – dalla produzione alle vendite fino alle risorse umane – con uno strumento fortemente collaborativo, intuitivo e fruibile da tutti gli utenti che, inserito in un contesto di Performance Management e Business Intelligence, migliora, semplifica e velocizza i processi decisionali (accrescendo al contempo la produttività e massimizzando l’infrastruttura It presente in azienda)”.

Nicoletta Boldrini

Giornalista

Articolo 1 di 5