Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Camera di Commercio di Milano: aiuto alle Pmi con CiaoTech

pittogramma Zerouno

Camera di Commercio di Milano: aiuto alle Pmi con CiaoTech

10 Nov 2009

di Lorenza Peschiera

Si chiamano Inspire e Impact e sono i servizi  che CiaoTech offre alle Pmi milanesi per aiutarle a fare innovazione, attraverso il sostegno al rinnovamento tecnologico e al recupero dei finanziamenti necessari

MILANO – Il bisogno di innovazione è indispensabile ma sappiamo, e lo abbiamo più volte ribadido, che molte imprese sono restie a fare investimenti utili in questa direzione. Per aiutare le imprese a innovare, ecco che molti soggetti pubblici stanno stanziando maggiori fondi per colmare le difficoltà create dalla crisi.
Anche Innovhub (http://www.mi.euroinfocentre.it/), azienda speciale per l’innovazione della Camera di Commercio di Milano (www.mi.camcom.it) ha optato per questa strada; per agevolare le piccole e medie imprese delle aree di Milano, Monza e Brianza interessate alla realizzazione di progetti innovativi, ha deciso di proporre alcuni servizi strategici tra i quali Inspire e Impact, resi disponibili da CiaoTech (www.ciaotech.com), società al 100 % del Gruppo Pno, che ha l’obiettivo di supportare aziende ed enti pubblici nei processi di innovazione tecnologica e ricerca e sviluppo, attraverso azioni di trasferimento tecnologico e richieste di finanziamenti pubblici (per esempio ‘a fondo perduto’).
Il servizio Inspire, come spiega Marco Romeo, responsabile del Nord Italia di CiaoTech, ha già supportato più di 150 Pmi italiane in progetti di trasferimento tecnologico e propone due diversi approcci. “Il primo, che chiamiamo Technology Push, parte dall’azienda che ha già le competenze e idee di progetti innovativi e vuole identificare nuovi mercati di sbocco, in cui poter applicare in altri ambiti le proprie innovazioni tecnologiche”, dice Romeo. “In questo caso, supportiamo le aziende nell’astrarre le proprie innovazioni dall’applicazione loro nota per trasferirle in altri ambiti tecnologici o mercati”. Nel secondo approccio, denominato Market Driven, un’azienda con necessità di innovazione, invece di orientarsi a uno sviluppo interno, si affida all’esterno cercando nel mercato soluzioni innovative già esistenti ed eventualmente utilizzate in altri settori da identificare o cercando specifiche competenze esterne (per esempio di dipartimenti universitari) per la realizzazione di adeguati progetti di ricerca e sviluppo. “Il servizio Impact, invece, ha l’obiettivo di supportare le aziende attraverso i finanziamenti pubblici europei e nazionali, per esempio nel presentare idee progettuali di ricerca e innovazione. Contribuiamo anche a instaurare relazioni strategiche tra le Pmi che aderiscono al servizio e organizzazioni di eccellenza europea, come grandi imprese leader”, afferma Romeo. Impact propone pacchetti di supporto alla preparazione di proposte progettuali, inserimento in progetti/consorzi in costruzione, gestione della negoziazione e project management.
“L’iniziativa di Innovalab, attiva fino al 31 dicembre di quest’anno, con un numero di posti limitati, è molto interessante per le Pmi in quanto la Camera di Commercio interviene per abbattere circa il 60% dei costi del servizio; quindi, a carico della Pmi rimane soltanto il 40% delle spese”, dichiara Romeo.
“Nella nostra azienda siamo prevalentemente ingegneri e fisici; questo ci permette di seguire, accanto all’iter amministrativo e al piano finanziario, la parte tecnica di un progetto, entrando in maniera diretta e responsabile negli aspetti tecnici di progetto per massimizzare le chance di successo della richiesta di finanziamento”, conclude Romeo. Sottolineiamo, infine, che CiaoTech coordina una serie di progetti che hanno lo scopo di diffondere l’innovazione tecnologica attraverso il coinvolgimento di diverse organizzazioni Europee. Ne è un esempio il progetto Share, finanziato dalla Ue, che ha l’obiettivo di migliorare la competitività delle aziende nel settore del Software Embedded attraverso l’Open Source.

Lorenza Peschiera

Articolo 1 di 5