Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Information Capabilities Framework, il modello concettuale

pittogramma Zerouno

Information Capabilities Framework, il modello concettuale

13 Nov 2014

di Rinaldo Marcandalli

Il modello Information Capabilities Framework, elaborato da Gartner, prevede che a ogni supporto di dati siano applicabili capacità comuni dell’informazione, per supportarne l’uso, il riuso e il consumo finale.

Il modello Information Capabilities Framework (figura 1), elaborato da Gartner, prevede che a ogni supporto di dati siano applicabili capacità comuni dell’informazione (figura 2), per supportarne l’uso, il riuso e il consumo finale. Descrivere, organizzare, integrare, condividere, governare e implementare sono altrettante categorie di capacità di alto livello previste per supportare i diversi usecase dell’informazione. Per esempio, la capacità “Describe” si scompone in: Discover di ciò che si ha a bordo e si riesce a raggiungere, Profile per capirne la forma, Enrich per arricchire il corpo dei metadati con il suo contributo, e così via.

Figura 1 – L’Information Capabilities Framework – Fonte: Gartner

Gli stili semantici (figura 3) definiscono come si espongono le capacità comuni, in modo appropriato al loro consumo da parte di applicazioni e usecase fruitori. Gli stili semantici si possono pensare come un portale che offre alle applicazioni la vista delle informazioni rese disponibili e consente una interazione nello “stile” specifico delle applicazioni stesse. Naturalmente lo stile Dedicated (a un singolo punto di consumo) è quello ereditato dal mondo monolitico in cui l’applicazione o l’usecase possiede tutte le regole relative ai dati, spesso “hard-coded”. Ma con Registry si comincia a riconciliare una comunità di semantiche dedicate. Consolidation (localizzare, trasformare e storizzare data asset governati altrove) è il classico stile Etl di un datawarehouse. E così via.

Figura 2 – Capacità comuni dell’informazione – Fonte: Gartner

Le capacità specializzate dell’informazione, combinano Capacità comuni e stili semantici per le necessità di specifici Usecase. Ad esempio usecase di Business intelligence (quering, dashboarding, reporting ecc.) e applicazioni transazionali (input, monitor, orchestrare processi ecc.).

Il modello descrive infine la diverse forme di consumo finale: dati strutturati, contenuti documentali non strutturati o composizione ibrida.

Figura 3 – Gli stili semantici e le capacità specializzate dell’informazione – Fonte: Gartner

Ultimi, ma certamente centrali nell’Icf, sono i metadati, che nel modello, oltre che “dati relativi ai dati” sono “qualsiasi cosa aumenti il valore di un dato”: da che luogo viene, che cosa significa, che rapporto ha con altri dati, che livello di qualità ha, chi deve vederlo ecc. I metadati potrebbero essere molto più corposi del dato stesso: in fondo riflettono il contesto dell’informazione, che può appunto risultare altrettanto se non più prezioso dell’informazione stessa.

Rinaldo Marcandalli
Giornalista

Consulente aziendale e giornalista. 40+ anni di esperienza nello sviluppo software, laboratorio IBM e field, nelle telecomunicazioni prima e poi nelle applicazioni e nel governo del Dipartimento It. Esperienze sul campo in settori bancario, in particolare interbancario, assicurativo e pubblica amministrazione. Da 20+ anni segue prima da consulente e poi come giornalista l’evoluzione dei processi nei settori e da 10+ anni la loro trasformazione progressiva al digitale, specializzandosi nello studio della riorganizzazione agile, digitale e smart delle Aziende.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Business
I
Intelligenza Artificiale

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2