Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Fandango e fake news: come rendere sicura l’informazione

pittogramma Zerouno

News

Fandango e fake news: come rendere sicura l’informazione

Il progetto, che ha raccolto intorno a sé diversi partner internazionali, è nato su una proposta di studio sui Big Data e sull’Intelligenza Artificiale applicata alle fake news presentata da Engineering

08 Nov 2019

di Redazione

Fandango è uno dei progetti di ricerca informatica nati nell’ambito di Horizon2020, su una proposta di studio sui Big data e sull’Intelligenza artificiale applicata alle fake news presentata da Engineering. Fandango ha raccolto attorno a sé importanti partner internazionali (Live Tech, CERTH, Siren Solution, VRT, Civio, Università Politecnica di Madrid) riunitisi in Consorzio, con la partecipazione attiva anche dell’ANSA, che ha da subito collaborato come unica Agenzia europea.

Presentato in occasione dell’evento Giornalismo aumentato: il futuro dell’informazione ai tempi dell’Intelligenza Artificiale, il progetto, partito lo scorso anno e il cui termine è previsto per la fine del 2020, ha l’obiettivo finale di sviluppare un sistema informatico che, grazie all’utilizzo delle più avanzate applicazioni di Big data, Intelligenza artificiale, riconoscimento di immagini e analisi dei testi, possa concorrere a combattere le fake news, favorendo un’informazione veritiera e i conseguenti benefici a livello economico, sociale e culturale. Punto di arrivo vogliono infatti essere strumenti e servizi informatici pensati per supportare il mondo dei media nella veloce analisi di contenuti scritti, audio, immagini e video, fornendo indici di affidabilità della notizia generati attraverso l’attivazione di algoritmi di Intelligenza artificiale, aiutando il professionista dell’informazione nelle sue analisi. È infatti stato sottolineato che, alla luce dell’articolato modello che concorre ad alimentare il sistema dell’informazione (fatti, opinioni, notizie generate anche dal mix tra fatti e opinioni dei protagonisti del mondo della politica, dell’economia, della cultura etc) e della crescente difficoltà nell’elaborazione delle fonti sempre più numerose e globali, la professionalità giornalistica diventerà ancora più importante nella sua capacità di critica e rappresentazione della realtà per guidare l’opinione pubblica nel processo di definizione della propria idea. Nell’era dei social network e dell’evoluzione tecnologica spinta, che possono alimentare fake news e deep fake news, il tema è estremamente rilevante in Europa, così come nel resto del mondo, per il significativo impatto distorsivo che possono avere sulle maggiori sfide politiche e sociali nonché del business e dell’industria.

Intelligenza artificiale e analisi dei dati: così funziona Fandango

Francesco Saverio Nucci, Director of Application Research di Engineering, commentando il lavoro di ricerca in corso, ha sottolineato: “L’Intelligenza Artificiale, su cui il progetto Fandango si basa, come tutte le tecnologie può essere causa e cura del medesimo problema, confermando la centralità umana nell’approccio di utilizzo della tecnologia. Il conflitto tra vero e falso è una questione eterna che nessuna macchina o algoritmo può risolvere definitivamente ma, se utilizzato come contributo unito alla professionalità delle persone, può incidere in modo decisivo. L’Intelligenza Artificiale che anima Fandango mira a porsi quale forte alleata della stampa nella lotta alle fake news per un’informazione trasparente, veritiera e costruita sulla base di dati”.

Il progetto Fandango ha avuto la prima verifica in sede di Commissione Europea lo scorso 12 settembre e si sta ora sviluppando attraverso l’analisi orientata a tre specifiche tematiche di grande rilievo e impatto sociale a livello mondiale: immigrazione, cambiamento climatico e politiche europee.

Su questi temi sono combinate differenti tipologie di analisi su molteplici fonti di dati:

  • algoritmi in grado di riconoscere e identificare le relazioni che sussistono all’interno del testo e del titolo della notizia, nelle frasi e nelle relazioni che si instaurano tra le parole e la loro frequenza;
  • analisi semantica per incrociare le diverse fonti informative e autori, così da verificare l’attendibilità dei fatti contenuti in una notizia. Vengono, inoltre, accertati avvenimenti e informazioni (dati compresi) citati all’interno del testo;
  • analisi multimediale per identificare le connessioni che sussistono tra contenuti audio, immagini e video e gli argomenti trattati nell’articolo preso in esame;
  • analisi delle immagini e dei video, per verificare se questi siano stati manipolati e modificati, anche in relazione al cosiddetto fenomeno dei deep-fake.

Attraverso queste analisi si indaga sulla tipologia di tracce informatiche e relative evoluzioni che qualsiasi manomissione audio, video o foto grafica lascia; sui processi di propagazione e di diffusione malevola; e infine, naturalmente sull’incrocio delle informazioni derivanti dall’analisi di enormi archivi di open data. Tutto questo, congiuntamente alle analisi sintattiche, alle valutazioni su notizie polarizzate o meno, al confronto costante con notizie similari e molto altro, concorre alla costruzione del sistema e dei servizi sviluppati da Fandango.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
Intelligenza Artificiale
Fandango e fake news: come rendere sicura l’informazione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4