Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Akhela Journal #3 – High Performance Computing: stimolare l’innovazione attraverso l’High Productivity Computing

pittogramma Zerouno

Scarica gratuitamente

Akhela Journal #3 – High Performance Computing: stimolare l’innovazione attraverso l’High Productivity Computing

SCARICA IL WHITEPAPER
file_download

Akhela Journal #3 – High Performance Computing: stimolare l’innovazione attraverso l’High Productivity Computing

27 marzo 2012

Se l’Hpc inteso come sistema computazionale ad alte performance in grado di garantire prestazioni elevate nell’ordine dei petaflops identifica una specifica tecnologia oggi ancora racchiusa nei confini della ricerca scientifica, è tuttavia in crescita tutto ciò che all’Hpc è molto vicino: l’High Productivity Computing inteso come la possibilità di utilizzare risorse di calcolo al meglio in termini non solo di performance di calcolo ma anche di disponibilità, flessibilità ed efficienza delle risorse. Lo spiega Antonio Calabrese, ex responsabile dei sistemi informativi
/ndella Ferrari Racing Team, oggi a capo di Rippols

Scarica subito

SCARICA IL WHITEPAPER