Sicurezza delle connessioni, l'ultima novità TeamViewer | ZeroUno

Sicurezza delle connessioni, l’ultima novità TeamViewer

pittogramma Zerouno

News

Sicurezza delle connessioni, l’ultima novità TeamViewer

Con l’abilitazione dell’autenticazione a due fattori anche le connessioni in entrata possono essere protette

14 Mag 2021

di Redazione

TeamViewer ha annunciato di aver abilitato l’autenticazione a due fattori (TFA) per le connessioni con l’obiettivo di completare le funzioni di sicurezza già esistenti, come la TFA per gli account e la crittografia end-to-end delle connessioni.

Gli account TeamViewer possono essere protetti con l’autenticazione a due fattori già da diverso tempo. D’ora in poi, anche le connessioni in entrata possono essere protette con la TFA, aumentando la consapevolezza sulla sicurezza ogni volta che si stabilisce una connessione.

La funzione di sicurezza opzionale può essere impostata per tutte le connessioni di controllo remoto di TeamViewer e viene eseguita tramite notifiche push. Dopo la registrazione di uno o più dispositivi mobili, agli utenti sarà chiesto di consentire, o negare, ogni singola connessione con i dispositivi registrati.

“Aggiorniamo costantemente le nostre funzionalità di sicurezza per fornire la soluzione di connettività remota più sicura, pur rimanendo fedeli al nostro approccio sulla facilità di utilizzo. Sia per uso aziendale sia privato, con un approccio sulla sicurezza basato su molteplici livelli ogni utente può disporre del livello di sicurezza in base alle esigenze” ha spiegato Christoph Schneider, Direttore Product Management di TeamViewer.

TeamViewer TFA è disponibile per Windows. Le versioni per connessioni per macOS e Linux sono in fase di sviluppo e saranno rilasciate nei prossimi mesi.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 4