Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Panda, la sicurezza si fa mobile

pittogramma Zerouno

Panda, la sicurezza si fa mobile

12 Nov 2013

di Arianna Leonardi

Lanciata la gamma di prodotti per il 2014, in grado di garantire una protezione multipiattaforma. Tra le novità rivolte alle Pmi, il miglioramento della soluzione Cloud Protection arricchita con tecnologie anti-exploit.

Antivirus Pro, Internet Security e Global Protection: la sicurezza consumer in casa Panda è scalabile e prevede tre diverse suite (associate rispettivamente ai colori verde, blu e rosso) per rispondere alle esigenze specifiche degli utenti: dalla semplice protezione antivirus a sofisticati sistemi di crittografia.

La nuova gamma di soluzioni 2014 punta tutto sulle potenzialità di una sicurezza cloud-based, che permette di rilevare qualsiasi tipologia di minaccia (dal malware più comune ai tentativi di frode e furto di identità) riducendo al minimo l’impatto sulle prestazioni del computer. Ciò è possibile sfruttando l’Intelligenza Collettiva, ovvero un sistema che raccoglie, memorizza e analizza ogni giorno migliaia di dati (modelli comportamentali di programmi, tracce di file, nuovi campioni di malware e così via) provenienti dagli utenti di Panda e da altre organizzazioni, inviando automaticamente su tutti i computer connessi gli aggiornamenti necessari per difendersi dalle nuove minacce identificate.

Ma in un mondo dove si assiste a una proliferazione sempre più massiccia di smartphone e tablet, la semplice protezione del Pc non basta più ed è proprio l’estensione della sicurezza ai dispositivi mobile la vera novità di Panda: Global Protection, infatti, garantisce una protezione multi-piattaforma per Windows (XP, Vista, Windows 7 e Windows 8), Mac, i dispositivi mobili Apple (iPad, iPhone e iPod Touch) e Android (tablet, smartphone e smart TV).

Antonio Falzoni, Product Marketing Manager di Panda Security Italia

La release 2014 assicura, inoltre, una protezione ancora maggiore da malware sconosciuto, incrementando il livello di eliminazione delle minacce più pericolose, come ransomware o rogue, che prendono in ostaggio i computer o i file personali. Come spiega Antonio Falzoni, Product Marketing Manager di Panda Security Italia, il nuovo prodotto è in grado di mettere in sicurezza i dati anche in caso di furto o smarrimento del dispositivo grazie a sistemi di crittografia ed eliminazione definitiva dei file personali, senza possibilità di recupero neppure con le più sofisticate tecniche di hacking.

Tra le feature di punta della soluzione, anche la funzione che permette di conservare in modo sicuro i dati sensibili (tipicamente le password dei diversi account dell’utente) in un database crittografato sul computer locale, su un dispositivo esterno o su un sito web preposto, a cui è possibile accedere attraverso un’unica password master.

L’utilizzo rapido e intuitivo, invece, caratterizza Antivirus Pro, la soluzione base della gamma, che include firewall, tastiera virtuale, gestione della rete domestica, kit di salvataggio e opzioni multimediali.

Oltre a comprendere tali funzionalità, Internet Security fornisce inoltre opzioni di protezione per la famiglia, l’identità e i dati degli utenti attraverso numerose funzionalità, tra le quali il parental control, l’accesso remoto, la rimozione dello spam e la possibilità di effettuare il backup con il ripristino di file.

I nuovi prodotti Panda sono già disponibili online, in formato box presso i negozi di tecnologia o integrati nei dispositivi Oem di produttori di nicchia.

Infine, l’ultima novità di casa Panda riguarda Cloud Protection, la piattaforma di sicurezza completa e integrata dedicata alle piccole e medie imprese, arrivata alla versione 6.7 che include miglioramenti tecnologici e funzionali, tra cui funzionalità anti-exploit con la capacità di rilevare e neutralizzare i codici che sfruttano le vulnerabilità zero-day.

Arianna Leonardi

Panda, la sicurezza si fa mobile

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4