News

Cyber risk management: ecco il progetto a cui collaborano HWG e Società Cattolica di Assicurazione

Presentata presso il Dipartimento di Economia aziendale dell’Università degli Studi di Verona “Cyber Risk Management e Resilienza nelle Operations: modelli di analisi del rischio, strategie di gestione e copertura assicurativa”: è l’iniziativa finanziata da Fondazione Cariverona cui parteciperanno HWG e Società Cattolica di Assicurazione

Pubblicato il 28 Nov 2019

1 Cyber risk management

Costruire un modello di assessment e di ottimizzazione del portafoglio di strumenti manageriali di prevenzione, protezione e copertura assicurativa per il cyber risk. È lo scopo del progetto Cyber Risk Management e Resilienza nelle Operations: modelli di analisi del rischio, strategie di gestione e copertura assicurativa. Il kick off meeting di tale progetto si è svolto lo scorso 30 ottobre nella sede del Dipartimento di Economia Aziendale dell’Università degli Studi di Verona. In questa occasione è stata illustrata l’iniziativa che, finanziata da Fondazione Cariverona, nell’ambito del Bando Competitivo “Ricerca e sviluppo”, è coordinata dalla professoressa Barbara Gaudenzi del Dipartimento di Economia Aziendale dell’Università degli Studi di Verona, con la partecipazione del professor Roberto Giacobazzi e della dottoressa Mila Dalla Preda del Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Verona.

Il progetto può contare sulla partnership di due importanti aziende molto attive nel settore cyber & security management: Società Cattolica di Assicurazione, presente al lancio del piano nella persona di Luisa Coloni (chief underwriting officer della società), e HWG, erano infatti presenti Enrico Orlandi, Andrea Boni e Claudia Rangogni, rispettivamente cofounder, Ict consultant e direttore amministrativo e risorse umane di HWG.

Nello specifico, il progetto avrà la durata di due anni e prevederà il finanziamento di due assegni di ricerca biennali per due ricercatori attivi sui temi di analisi quantitativa e cyber risk management.

New call-to-action

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 3