Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L’IoT consente risparmio energetico, ecco il progetto pilota Huawei a Lisbona

pittogramma Zerouno

News

L’IoT consente risparmio energetico, ecco il progetto pilota Huawei a Lisbona

14 Ago 2017

di Redazione

Nell’area del Parque das Nações della capitale portoghese la gestione intelligente dell’energia nelle abitazioni contribuirà al miglioramento dell’efficienza dei consumi. In questo progetto è stato sperimentato il contatore elettrico intelligente con tecnologia NB-IoT (Narrowband Internet of things)

Avviato in Portogallo, nel Parque das Nações di Lisbona, il progetto che utilizza il contatore elettrico intelligente con tecnologia NB-IoT (Narrowband Internet of things), realizzato da Huawei, il vendor cinese che identifica proprio nell’IoT una dei suoi pilastri strategici, in collaborazione con Janz Ce e U-Blox. Nello specifico, Edp Distribuição utilizzerà questa tecnologia per la fase pilota del progetto Upgrid all’interno del programma Horizon 2020 della Commissione Europea, nel quale sarà utilizzata l’infrastruttura dell’operatore portoghese Nos che, per primo nel Paese, testa quindi la rete 4.5G-IoT.

In particolare: l’area di Parque das Nações a Lisbona è stata scelta da Edp Distribuição per condurre il progetto pilota su 100 utenti entro la fine del 2017. Questa zona della città è già coperta dalla tecnologia NB-IoT ed è dotata di due base station Nos che offrono copertura NB-IoT. La gestione intelligente dell’energia nelle abitazioni di questi utenti, che svolgeranno un ruolo attivo nel contribuire al miglioramento dell’efficienza del consumo energetico, fornirà importanti indicazioni pratiche sull’utilizzo di questa tecnologia innovativa.

Che cos’è la tecnologia NB-IoT?

La NB-IoT è una tecnologia wireless Low Power Wide Area (Lpwa) che offre una vasta gamma di vantaggi, tra cui una durata della batteria fino a 10 anni, un aumento di 20dB rispetto alle reti Gsm convenzionali e una capacità di supportare oltre 100.000 connessioni per cella. La tecnologia NB-IoT rappresenta dunque un significativo progresso nel percorso verso la Gigabit Society che ci condurrà nei prossimi anni nell’ era del 5G, supportando fino a 1.000.000 di connessioni per cella. Sulla base di una comunicazione ottimizzata e bidirezionale, il valore della tecnologia NB-IoT è riconosciuto in tutto il mondo ed è in grado di apportare i seguenti benefici:

  • soddisfazione del cliente attraverso il rilevamento automatico dei guasti, migliorando considerevolmente i tempi di ripristino del servizio. In caso di tempeste o altre calamità, una geolocalizzazione accurata consentirà alle squadre di intervento una maggiore precisione e una rapida soluzione dei problemi;
  • misurazione online dei consumi, offrendo supporto con valori e statistiche forniti in tempo reale;
  • funzionalità di risposta on-demand e gestione in tempo reale; questa funzione è particolarmente utile tenendo conto del continuo aumento dei veicoli elettrici e il progressivo ritmo di transizione verso fonti rinnovabili di energia elettrica;
  • sviluppo continuo della tecnologia, guidato dalla potenziale adozione di massa da parte degli operatori di tutto il mondo.

Questa implementazione su larga scala garantirà un’importante evoluzione tecnologica e un ecosistema maturo, in conformità ai requisiti delle Smart Grid.

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in rivista, portale www.zerounoweb.it e una linea di incontri con gli utenti.

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
Consumo Energetico
I
Iot

Articolo 1 di 4