5G: ecco perché ampliare lo spettro a 26GHz | ZeroUno

5G: ecco perché ampliare lo spettro a 26GHz

pittogramma Zerouno

News

5G: ecco perché ampliare lo spettro a 26GHz

Secondo lo studio Plum Consulting incentivare l’innovazione garantendo la disponibilità dello spettro mmWave fornirà una base importante per la crescita economica nel prossimo decennio, i dati

30 Ago 2021

di Redazione

La ricerca di Plum Consulting mostra che i servizi 5G basati su mmWave saranno implementabili rapidamente ed efficacemente una volta che sarà reso disponibile più spettro. La società di consulenza raccomanda dunque alle autorità nazionali di regolamentazione di stimolare il mercato rendendo disponibile lo spettro a 26 GHz con le giuste condizioni di licenza per gli operatori di rete mobile e per l’uso industriale privato. Commissionata da Qualcomm Technologies e Nokia, tale ricerca testimonia infatti che incentivare l’innovazione garantendo la disponibilità dello spettro mmWave fornirà una base importante per la crescita economica nel prossimo decennio.

Più nello specifico, si prevede che il 5G fornirà benefici ai consumatori, trasformerà l’industria e genererà un ampio valore economico. Il GSMA stima che il 5G dovrebbe produrre 2,2 trilioni di dollari in PIL tra il 2020-2034. Le applicazioni mmWave costituiranno una parte crescente del contributo complessivo del 5G al PIL globale, raggiungendo circa il 25% del totale cumulativo entro il 2034, che ammonta a 565 miliardi di dollari in PIL.

La ricerca di Plum Consulting mostra che i servizi 5G basati su mmWave saranno implementabili rapidamente ed efficacemente una volta che sarà reso disponibile più spettro. Le raccomandazioni nel rapporto di Plum Consulting includono la rimozione delle barriere di ingresso per promuovere l’uso di 26GHz, tra cui l’abbassamento del suo costo rispetto ad altre bande mobili, l’attuazione di incentivi fiscali, detrazioni fiscali o piani di ammortamento speciali per gli investimenti da parte degli MNO e degli sviluppatori di reti private e l’uso di meccanismi di aggiudicazione che cercano di incoraggiare gli investimenti.

mmWave ha una gamma corta ma supporta larghezze di banda molto elevate e bassa latenza. È ideale laddove è sufficiente una cella radio di 500 metri o meno e le dimensioni fisiche più piccole delle apparecchiature di rete forniscono vantaggi per l’acquisizione e l’implementazione dei siti e l’uso interno.

La domanda di prove e progetti mmWave sta aumentando e ci sono già un certo numero di esperimenti, operazioni commerciali pianificate o dal vivo in tutta Europa.

Questo include una prova a 26GHz alla stazione ferroviaria di Rennes in Francia per migliorare sia i servizi per il pubblico che il supporto alla manutenzione e alle riparazioni dei treni. Nel Regno Unito Qualcomm Technologies fornirà moduli mmWave ad alta frequenza per testare l’efficacia in agritech per l’agricoltura robotica connessa al 5G. La diffusione commerciale del 5G mmWave per FWA è iniziata anche in Italia da dicembre 2020 in 50 città e punta a 500 entro la fine del 2021.

Sul fronte industriale, una prova a 26GHz nel porto marittimo di Le Havre in Francia sta lavorando con la gestione delle reti intelligenti, la ricarica dei veicoli elettrici, la logistica portuale, il funzionamento dei macchinari dei container, l’analisi della mobilità e altro. Prove a 26GHz per una serie di usi commerciali hanno anche avuto luogo in una serie di località in Francia, Germania, Finlandia, Regno Unito, Romania, Svezia e diversi altri paesi. Il numero di dispositivi mmWave è destinato a crescere significativamente nei prossimi 12 mesi.

Tony Lavender, Managing Partner Plum Consulting ha dichiarato: “La comunicazione mobile ha contribuito significativamente al progresso economico e sociale in Europa e in altre parti del mondo. Le caratteristiche supportate dal 5G abiliteranno nuovi dispositivi, applicazioni e modelli di business. Tuttavia, la realizzazione di tutti i benefici del 5G per i consumatori, l’industria e i settori aziendali richiede l’accesso allo spettro mmWave. È quindi importante che i regolatori nazionali si consultino e implementino il quadro normativo più appropriato, compresa la condivisione dello spettro, come priorità per liberare il pieno potenziale della banda 26GHz”.

Wassim Chourbaji, Senior Vice President, Government Affairs EMEA, Qualcomm Communications S.A.R.L., ha commentato: “5G mmWave ha il potenziale per essere il catalizzatore per rivoluzionare la connettività ultra veloce per tutti, che si tratti di consumatori, imprese, auto, fabbriche, agricoltura e altro. Ha il potenziale, con l’accesso wireless fisso, di colmare finalmente il divario digitale, che è diventato particolarmente evidente durante la pandemia Covid-19. È urgente mettere in atto un quadro completo da parte dei regolatori nazionali per rendere disponibile il 26GHz. Sarà la base della ripresa economica e della trasformazione digitale”.

Jan van Tetering, Senior Vice President, Head of Europe, Nokia: “Il 5G mmWave detiene la chiave per sbloccare una nuova categoria di esperienza utente nelle aree urbane, nonché nuovi casi d’uso che creano valore in vari settori. L’ultimo portafoglio di prodotti AirScale di Nokia offre le prestazioni associate al 5G, fornendo connettività ad alta capacità e super veloce. L’Europa deve agire rapidamente per colmare il divario con altre aree geografiche dove la tecnologia è già in fase di implementazione”.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Articolo 1 di 5