Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Emerson network power: innovazione nella gestione termica

pittogramma Zerouno

Emerson network power: innovazione nella gestione termica

25 Nov 2013

di Arianna Leonardi

Il mercato dei data center Emea è estremamente variegato, caratterizzato dalla gestione di carichi di lavoro di molteplici dimensioni e strutture ubicate in ambienti geografici diversi.

Per rispondere a un ventaglio di esigenze così differenti attraverso il denominatore comune dell’efficienza energetica, la nuova divisione Thermal Management di Emerson Network Power lancia sul mercato Liebert Pdx, la gamma di sistemi di condizionamento dedicata alle piccole e medie imprese.
L’annuncio rientra nella strategia della neonata business unit, focalizzata sulla creazione di una infrastruttura di condizionamento del Ced di nuova generazione, con l’offerta di servizi, software e hardware ottimizzati per controllare e gestire il calore in modo affidabile ed efficiente. La nuove soluzioni, con freecooling ad aria (diretto) e ad acqua (indiretto), sono caratterizzate da un’ampia flessibilità di impiego e possono essere implementate in qualsiasi data center, da 30 a 500 kW e oltre. Permettono il funzionamento a temperature sino ai 38°C e, secondo quanto dichiarato dall’azienda, riducono fino al 30% il consumo energetico in un’applicazione all’interno di un data center.
Grazie alla tecnologia di diagnostica Life, le unità di condizionamento possono essere monitorate da remoto, abilitando la manutenzione proattiva, con una riduzione dei tempi di fermo e la possibilità di pianificazione energetica.
Il controllo iCom di Emerson Network Power, inoltre, integra il funzionamento dell’unità interna con le unità condensanti a tecnologia microchannel, che consente di ottimizzare l’intero sistema in base alle diverse esigenze applicative.
Infine, concorre al risparmio energetico anche la modularità delle unità, che possono essere monitorate e coordinate all’interno del data center utilizzando la connessione Ethernet integrata.

Arianna Leonardi

Articolo 1 di 4