Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L’approccio Esker al document management

pittogramma Zerouno

L’approccio Esker al document management

30 Ago 2011

di Riccardo Cervelli

Standardizzazione dei processi e riduzione delle eccezioni. è la strategia Esker nella smaterializzazione dei documenti legati a processi gestiti da Erp. L’offerta prevede la consulenza e la fornitura di soluzioni prepacchettizzate, utilizzabili in azienda o fruibili in modalità cloud. Nella foto Giovanni Gavioli, country manager di Esker

Ancora oggi, nella maggior parte dei casi, nelle aziende i processi di business hanno alla loro base dei documenti cartacei. “L’obiettivo di Esker – spiega Giovanni Gavioli, country manager della filiale italiana del vendor specializzato in automazione dei processi documentali – è far sì che le fondamenta dei processi diventino i processi stessi e che questi possano essere automatizzati”. A questo punto, nella visione di Esker, diventa indifferente in quale formato entrino o escano i documenti di un business process: “Lasciamo al cliente scegliere quale sia il mezzo trasmissivo preferito”, precisa Gavioli.
Esker si differenzia da altri nomi del document management perché, come spiega il suo numero uno italiano: “Non ci occupiamo di documenti generici come contratti, progetti, manualistica, dove sono importanti funzioni come il controllo di versione o il workflow; noi ci focalizziamo su un document management strettamente integrato con gli Erp. L’approccio al cliente – continua Gavioli – prevede una fase di analisi dei problemi dell’azienda, in cui svolgiamo anche dell’education, perché spesso l’utente riesce a esplicitare solo quello che è il suo ‘mal di pancia’ del momento, ma non riesce a vedere tutte le criticità esistenti e le opportunità di miglioramento dei processi. Terminata questa fase, proponiamo delle soluzioni prepacchettizzate in grado di automatizzare business process come la gestione delle fatture attive e passive, gli ordini di vendita e l’invio di documenti”. Fra i vantaggi che i clienti possono ottenere grazie a questa automazione, di particolare rilevanza è l’aumento della standardizzazione dei processi.

Standardizzare, aumentare l’efficienza
“Quando intervistiamo i clienti – chiarisce Gavioli – ci rendiamo conto che le valutazioni sui processi cambiano a seconda dell’interlocutore. Ci sono persone che affermano di gestire quasi sempre ‘eccezioni’. Standardizzare significa individuare le procedure più efficienti, che prevedono meno colli di bottiglia e costi inutili. Le eccezioni possono essere ridotte o, se sono necessarie, essere integrate nei processi e non essere più eccezioni in modo che i business process diventino più misurabili”.
Esker è impegnata a sviluppare offerte cloud e a farne riconoscere i vantaggi a clienti e partner. “Le nostre soluzioni – sottolinea il top manager – possono essere implementate e utilizzate on-premise, in the cloud o in ambienti ibridi”. Un ambito nuovo del business del vendor è quello dei centri di postalizzazione creati per fornire in outsourcing servizi di spedizione multicanale dei documenti. “Per chi produce bevande o macchinari – esemplifica Gavioli – non è core business gestire un centro stampa interno”. Esker ha sviluppato piattaforme in grado di intercettare gli spool di stampa, identificare i documenti e i destinatari, produrre i documenti da spedire nel formato trasmissivo prescelto, preparare le buste, fornire il tracking dei documenti. Queste piattaforme sono utilizzate da centri di postalizzazione di terzi o di Esker stessa. In Europa il vendor ne gestisce in paesi quali Francia, Regno Unito e Spagna e a fine anno si deciderà se aprire o meno un centro anche in Italia nel corso del 2012.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 3