Robotica di magazzino: ecco come funziona la piattaforma DHL Supply Chain

pittogramma Zerouno

News

Robotica di magazzino: ecco come funziona la piattaforma DHL Supply Chain

La soluzione, realizzata in collaborazione con Blue Yonder, si avvale dell’IoT e dei servizi di Microsoft Azure

30 Lug 2020

di Redazione

Una piattaforma plug & play per accelerare l’implementazione della robotica di magazzino facendo leva sulla standardizzazione: è stata realizzata da DHL Supply Chain, in collaborazione con Microsoft e Blue Yonder, azienda attiva nelle soluzioni per i processi di supply chain basati su intelligenza artificiale.

La piattaforma dedicata alla robotica riduce significativamente i tempi di integrazione e agevola la programmazione dell’integrazione di nuovi dispositivi di automazione all’interno del magazzino, e allo stesso tempo offre ai clienti DHL una maggiore flessibilità nella selezione dei sistemi robotici in base alle loro specifiche esigenze aziendali. La soluzione si avvale dell’IoT e dei servizi della piattaforma cloud di Microsoft Azure.

Con questa collaborazione, DHL Supply Chain, Microsoft e Blue Yonder uniscono i loro punti di forza nella logistica contrattuale incentrata sul cliente, nel cloud computing sicuro su scala globale e nell’integrazione della supply chain end-to-end per migliorare la gestione del magazzino e l’eccellenza operativa, a beneficio dei clienti.

Una prima implementazione presso una struttura DHL Supply Chain a Madrid ha già dimostrato che la nuova piattaforma può ridurre la complessità e accelerare l’integrazione dei sistemi robotici in un sistema esistente di gestione del magazzino. Allo stesso tempo, la piattaforma offre ai clienti una maggiore flessibilità nella selezione e nell’integrazione di diversi fornitori di robotica in un unico sistema.

La piattaforma robotica è basata su Blue Yonder Luminate Platform, che offre funzionalità basate su machine learning per consentire il massimo livello di efficienza operativa del magazzino.

WHITEPAPER
Logistica 4.0: trend del mercato e nuovi modelli di gestione
Logistica/Trasporti

“L’implementazione a livello globale di robot e sistemi robotici – ha dichiarato Markus Voss, Global CIO e COO, DHL Supply Chain – è parte integrante della nostra strategia a supporto del nostro personale, con l’obiettivo di migliore costantemente i servizi e le attività operative per i nostri clienti. L’automazione e la robotica collaborativa consentono di rendere i processi operativi più flessibili, ergonomici e interessanti per i nostri dipendenti perché sostituiscono attività monotone, ripetitive e particolarmente faticose. L’obiettivo non è sostituire i dipendenti, ma assegnare loro compiti più appaganti e soddisfacenti. Abbiamo oltre 2.000 siti operativi nella supply chain DHL, quindi sappiamo quanto possa essere complesso e dispendioso in termini di tempo e denaro integrare nuovi robot nelle piattaforme esistenti e connettersi ai vari sistemi di gestione del magazzino dei clienti. Ed è proprio per queste funzioni che la nuova piattaforma si rivela particolarmente efficace. La nostra prima implementazione sulla nuova piattaforma con 6 River Systems in uno dei nostri siti di Madrid sta già mostrando una riduzione del 60% dei tempi di integrazione, ma con ulteriori deployment prevediamo un ulteriore miglioramento fino al 90%”.

“Costruire una supply chain resiliente e flessibile è essenziale per rispondere alle mutevoli esigenze dei clienti. Digitalizzando le soluzioni di magazzino, DHL semplifica notevolmente l’integrazione di sistemi IoT complessi e schiude nuove opportunità di business per il settore della logistica. Il risultato: maggiori progressi in termini di velocità, scalabilità globale, riduzione dei costi e sicurezza”, ha affermato Sam George, Corporate Vice President Azure IoT di Microsoft.

“Utilizzando la piattaforma Luminate di Blue Yonder – ha dichiarato Girish Rishi, CEO di Blue Yonder – DHL è in grado di offrire una soluzione che può essere implementata in tutti i distribution center attraverso un’applicazione cloud SaaS, che permetterà a DHL di gestire con estrema flessibilità eventuali picchi di richieste di servizio. Grazie all’integrazione di sistemi di robotica viene aumentata la disponibilità di risorse ed è possibile offrire un migliore supporto alla forza lavoro. Questo progetto è frutto di una vera collaborazione tra tutti gli stakeholder.”

Sebbene la nuova piattaforma software sia solo una parte dell’ampia strategia di digitalizzazione di DHL Supply Chain, che include l’uso di varie tecnologie chiave quali robot, wearable device, analisi dei dati, essa svolge un ruolo essenziale nel facilitare e accelerare la distribuzione di nuove tecnologie su larga scala.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Robotica di magazzino: ecco come funziona la piattaforma DHL Supply Chain

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4