Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

“One Fujitsu” anche in Italia

pittogramma Zerouno

“One Fujitsu” anche in Italia

08 Feb 2010

di Nicoletta Boldrini

A pochi mesi dalla nomina di country manager di Fujitsu Technology Solutions e Fujitsu Services Italia, ZeroUno intervista Luca Venturelli (nella foto)che eredita il delicato compito di trasformare il gruppo in una “One Fujitsu”

Milano – La scadenza è fine febbraio 2010, data ufficiale di costituzione, anche in Italia, di Fujitsu come unica realtà globale (One Fujitsu come la chiamano ora in azienda). Anche a livello locale la metamorfosi si traduce nell’integrazione di due realtà (Fujitsu Technology Solutions e Fujitsu Services Italia) che da settembre 2009 sono sotto la guida di Luca Venturelli, nominato country manager di entrambe le aziende con l’evidente compito di condurre la fusione e il processo di trasformazione. “È un percorso delicato e intenso, con processi e tappe molto ravvicinate che ci porteranno ad essere una società unica nei primi mesi dell’anno – esordisce Venturelli -. Tecnicamente Fujitsu Technology Solutions e Fujitsu Services Italia sono ancora, momentaneamente, due società distinte ma abbiamo disegnato un modello di go-to-market iniziale che ci consente di presentarci come se fossimo già una realtà unica. In una prima fase, abbiamo infatti lavorato sull’allineamento e l’integrazione del portfolio, per poi agire anche sulla definizione di attività congiunte in area prevendita, marketing e supporto”.
Per riassumere le tappe del percorso compiuto fin qui, Venturelli sottolinea come “Ad aprile 2009 Fujitsu ha rilevato la quota di Siemens e si è trasformata in Fujitsu Technology Solutions; a giugno ha lanciato la nuova offerta storage che ha consentito all’azienda di presentarsi con un’offerta più ricca e dettagliata in ambito data center. Infine, nel corso dell’ultimo anno, è stata enormemente rafforzata l’area dei managed services, sia come proposta sia come conoscenza sul mercato. Dal punto di vista organizzativo questo ha significato una revisione del modello interno. La nuova struttura prevede 4 differenti unità, che in azienda chiamano business practices. Obiettivo strategico delle business practices è portare tutto il portfolio strategico delle soluzioni Fujitsu sul mercato”, spiega Venturelli.
Le 4 unità si occupano rispettivamente di: 1) ambienti distribuiti (Business Practice It distributed), ossia di vendita di Pc, server di fascia bassa, hardware e soluzioni per tipici ambienti distribuiti come quelli delle Pmi. 2) Soluzioni in ambito data center (Business Practice Data Center); questa unità ha il compito di implementare progetti in ambienti data center (soluzioni sofisticate e servizi) offrendo tra l’altro anche servizi progettuali e di system integration. 3) Servizi gestiti e infrastrutture “as a service” (Business Practice Managed Services & Infrastructure as a Service); in questo caso la divisione si propone di sollevare le aziende clienti dalle problematiche di gestione con una serie di servizi che possono essere erogati on site o da remoto (o anche con scelte “miste”) oppure con la proposta di fruizione delle infrastrutture in modalità di servizio (con due offerte che si chiamano “Smart Office” e “Smart Data Center”). 4) Quella dell’Application Services è l’ultima delle quattro unità che ha come obiettivo capitalizzare l’esperienza maturata in ambito retail per replicarlo anche in altri settori. Per il mondo retail, infatti, Fujitsu ha sviluppato soluzioni gestionali ad hoc, oltre che progettare e vendere hardware specifico per il segmento (per esempio, i registratori di cassa), nonché sviluppato una serie di servizi che vanno dalle customizzazioni delle soluzioni alla gestione delle campagne marketing, ai loyalty program. “Nell’area dell’Application Services stiamo anche sviluppando nuove competenze per proporre progetti di integrazione tra il mondo Sap e la Business Intelligence (non solo per il settore retail ma cross industry)”, aggiunge Venturelli che sottolinea come la Bi rappresenti “un ottimo ponte tra l’offerta classica di Fujitsu e quella nuova (quest’ultima fortemente “service oriented”)”. Per fare un esempio: la Bi applicata alle agenzie sul territorio è una tematica oggi di interesse anche per il settore Finance (Banche e Assicurazioni) e Venturelli ritiene ci possano essere interessanti prospettive per Fujitsu in questa direzione con l’offerta di soluzioni e servizi specifici.
”Asset fondamentale della One Fujitsu proposition saranno comunque sempre di più i managed services, declinati in alcuni ambiti chiave come la data center transformation, la business continuity e la virtualizzazione”, conclude Venturelli.

Nicoletta Boldrini

Giornalista

Articolo 1 di 4