Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Cloud, le nuove soluzioni HPE per workload misti

pittogramma Zerouno

News

Cloud, le nuove soluzioni HPE per workload misti

Il vendor illustra le opportunità generate dall’integrazione della piattaforma storage basata su intelligenza artificiale e machine learning HPE Primera con la componibilità di HPE Synergy e HPE Composable Rack

05 Dic 2019

di Redazione

Supportare workload misti con maggiore velocità, resilienza dei dati e facilità di scala, con questo obbiettivo sono state presentate le nuove soluzioni HPE che combinano intelligence e componibilità attraverso l’integrazione della propria piattaforma storage basata su intelligenza artificiale e machine learning HPE Primera con la componibilità di HPE Synergy e HPE Composable Rack. Tale combinazione è pensata per permettere ai clienti di erogare servizi su una piattaforma cloud intelligente dotata della flessibilità necessaria per supportare qualsiasi applicazione e SLA (Service Level Agreement) con caratteristiche di agilità, resilienza estrema e scalabilità senza soluzione di continuità, simili a quelle del cloud.

Inoltre, facendo seguito alla recente introduzione del supporto di VMware Cloud Foundation (VCF) all’interno di HPE Synergy, anche HPE Composable Rack, la soluzione rack-scale componibile di HPE, è ora in grado di supportare VCF per i deployment di cloud ibridi. Questa nuova proposta implementa i servizi di gestione cloud che occorrono per far funzionare le applicazioni enterprise in ambienti privati e pubblici mediante un approccio resiliente ed operativamente efficiente.

I vantaggi delle nuove soluzioni HPE

HPE Primera fa leva su HPE InfoSight, la piattaforma AI dedicata alle operazioni per offrire innovazioni significative come il 93% di tempo in meno trascorso sulla gestione dello storage, la capacità di prevedere e prevenire problemi, e l’accelerazione delle performance applicative. HPE Primera permette alle aziende di innovare con i livelli di resilienza e prestazioni di cui le aziende hanno bisogno in combinazione con l’agilità tipica del cloud.

L’integrazione di HPE Primera nel portafoglio componibile permette ai clienti HPE Synergy e HPE Composable Rack di ottenere i seguenti vantaggi.

Prima di tutto, agilità e time-to-market più veloci: sono infatti promessi sviluppo e deployment più rapidi delle applicazioni mediante infrastruttura sotto forma di codice per automatizzare e razionalizzare la gestione delle risorse, compresa la riduzione dell’89% delle tempistiche di deployment dei database Oracle; inoltre sono stati eliminati le interruzioni e il tempo sprecato per reagire ai problemi grazie a un’intelligenza full-stack basata su AI; ancora, è stata abilitata l’autosufficienza e consentita l’eliminazione dei ritardi nelle richieste di provisioning.

In secondo luogo, benefici saranno ottenuti dalla resilienza: grazie alla AI e al machine learning basato su cloud, HPE InfoSight nei server HPE ProLiant, HPE Synergy e lo storage HPE Primera possono prevedere e prevenire i problemi prima che si verifichino; poi la soluzione HPE Primera è progettata per un’affidabilità mission-critical, per l’alta disponibilità attraverso il suo design multi-nodo, la business continuity con HPE Peer Persistence e la replica dei dati, il tutto supportato dalla garanzia del 100% di disponibilità dei dati di HPE Primera. HPE protegge ulteriormente i sistemi dai rischi e della interruzioni dei servizi mediante la funzionalità Silicon Root of Trust che impedisce l’avvio del sistema in presenza di firmware compromesso; e con la designazione Cyber Catalyst che prevede termini e condizioni particolarmente vantaggiosi sulle polizze di cyber-assicurazione.

Sul fronte della scalabilità, le proposte componibili HPE permettono alle aziende di comporre on demand risorse disaggregate senza provocare interruzioni operative; le funzionalità di autorilevamento e autoconfigurazione continue permettono di scalare e integrare le risorse incrementalmente; la visibilità istantanea sulle modalità di consumo delle risorse da parte delle applicazioni migliora gli insight destinati alla pianificazione della capacità.

Attraverso la particolare combinazione di intelligenza e componibilità, HPE offre la base di un cloud intelligente che unisce l’ambiente IT attraverso un modello operativo software-defined basato su AI che può essere opzionalmente fornito sotto forma di servizio attraverso HPE GreenLake per allineare i costi ai consumi effettivi.

R

Redazione

Nel corso degli anni ZeroUno ha esteso la sua originaria focalizzazione editoriale, sviluppata attraverso la rivista storica, in un più ampio sistema di comunicazione oggi strutturato in un portale, www.zerounoweb.it, una linea di incontri con gli utenti e numerose altre iniziative orientate a creare un proficuo matching tra domanda e offerta.

Cloud, le nuove soluzioni HPE per workload misti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    LinkedIn

    Twitter

    Whatsapp

    Facebook

    Link

    Articolo 1 di 4