Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Microsoft: una maratona Web per parlare di pari opportunità

pittogramma Zerouno

Microsoft: una maratona Web per parlare di pari opportunità

25 Mar 2009

di Riccardo Cervelli

Torna, a un anno di distanza dalla prima edizione, Web@lfemminile, una non stop di 24 ore di dibattiti sulle pari opportunità promossa da Microsoft in collaborazione con Acer e altre aziende. Sul sito www.webalfemminile.it, il 31 marzo donne e uomini potranno assistere e partecipare, senza muoversi da casa, a una serie di attività online che vanno da dibattiti su quattro temi chiave (come “La donna e il Lavoro”, “La donna e la famiglia”, “La donna e l’amore”, “La donna e le tecnologie del futuro”) a canali tematici su argomenti specifici (impegnativi e leggeri), da videointerviste a personaggi noti, a interazioni con esperti di diverse discipline. Non mancheranno neanche attività di E-learning gratuite incentrate su temi tecnologici.
La tecnologia avrà un ruolo importante nel palinsesto della giornata, in quanto identificata come elemento facilitatore di cambiamenti miranti a promuovere e rafforzare il ruolo delle donne a livello economico e sociale. “Una classifica del World Economic Forum – ricorda Roberta Cocco, Direttore Marketing Centrale di Microsoft e responsabile del progetto futuro@lfemminile – vede il nostro Paese al 67esimo posto per quanto riguarda le pari opportunità di genere, dietro non solo al Nord Europa, ma anche alla Germania (11° posto) e alla Francia (15°). Noi siamo tra coloro che ritengono possibile il raggiungimento di un’effettiva parità, e crediamo ancor di più che la leva attuativa di questa sarà proprio la tecnologia”.
Convinto della necessità di affrontare la problematica della disparità vigente è Pietro Scott Jovane, amministratore delegato di Microsoft Italia: “Gli economisti di tutto il mondo lo confermano: un’occupazione maggiore delle donne è in grado di far crescere gli indici economici dei Paesi.. Per ottenere questo obiettivo, però, è necessaria un’azione congiunta delle istituzioni e del mondo delle imprese. Si potrebbe puntare, per esempio, a un’organizzazione del tempo più flessibile sui posti di lavoro e alla creazione di nuove infrastrutture pubbliche che consentano alle donne una migliore conciliazione di vita professionale e vita privata”.
In preparazione della maratona del 31 marzo, il sito www.webalfemminile.it ha predisposto già spazi a disposizione del pubblico e dei suoi partner per interagire e approfondire diverse tematiche. Ciascuno degli sponsor dell’iniziativa ha qualcosa da dire all’universo femminile in ottica di possibilità di migliorare il suo benessere e la sua capacità di portare un crescente contributo alla soluzione di problemi economici e sociali. Oltre Acer, tra i partner dell’iniziativa c’è Ebay.it, “che conta già 5.000 negozi virtuali gestiti da donne”, afferma Irina Pavlova, responsabile ufficio stampa della società. C’è poi l’azienda cosmetica Vichy, che ha aderito al progetto in un anno di rilancio del brand, e che mette le donne e le loro esigenze al centro della propria missione, perseguita “mettendo in risalto – spiega Roberto Serafini, direttore generale Divisione Cosmétique Active Italia – valori di modernità e contenuti scientifici”. Rilevante anche il contributo di Patti Chiari: “Le donne hanno da sempre un ruolo strategico nelle scelte economico-finanziarie di tutti i giorni e di pianificazione della vita famigliare”, spiega Roberta Visigalli, responsabile della Direzione Marketing e Comunicazione del consorzio. “A questo si affiancano sempre ruoli di primo piano, sia a livello imprenditoriale che manageriale. Patti Chiari offre al mondo femminile un’informazione che consente loro di mettere meglio a frutto le loro potenzialità in materia economico finanziaria, aiutandole così ad emergere ed ad assumere sempre più peso e autorevolezza in questo contesto”.
Donne studenti, madri, lavoratrici, casalinghe, pensionate (l’iniziativa, comunque, è aperta anche gli uomini) il 31 marzo potranno connettersi al sito con un clic e trovare, o dare, spunti e risposte per migliorare la propria situazione e contribuire a creare una società più paritaria e migliore.

Riccardo Cervelli
Giornalista

57 anni, giornalista freelance divulgatore tecnico-scientifico, nell’ambito dell’Ict tratta soprattutto di temi legati alle infrastrutture (server, storage, networking), ai sistemi operativi commerciali e open source, alla cybersecurity e alla Unified Communications and Collaboration e all’Internet of Things.

Argomenti trattati

Approfondimenti

M
Marketing

Articolo 1 di 5